Il Ponte Scandicci A.S.D. podistica

Il Ponte Scandicci A.S.D. podistica
20 luglio 2014: IL PONTE SCANDICCI SI LAUREA SQUADRA CAMPIONE NAZIONALE UISP DI CORSA IN SALITA

mercoledì 19 dicembre 2012

Alessandro Perri, LI-PI-FI (uscita Scandicci)


Dopo gli ottimi segnali di Livorno, obiettivo centrato per Alessandro Perri alla mezzamaratona di Pisa, affrontata con forte determinazione all’inseguimento di quel tempo di 1h20’ imposto dal consiglio pontino che gli avrebbe aritmeticamente consentito di ottenere il Pass per la Mezza di Scandicci.
Il Re Leone del Ponte ha in realtà sfiorato quel tempo chiudendo i 21,097 km in 1h20’11” ma già poche ore dopo la conclusione della gara il Consiglio deliberava per l’abbuono di quella manciata di passi e concedergli di iniziare la preparazione per l’evento di febbraio in cui potrà ancora migliorare con l’obiettivo dichiarato non solo del personale (1h19’26”) ma anche del secondo tempo pontino di sempre (Veneziani 1h17’52”). Ambizioso dunque il labronico che sarà un valido scudiero per il team leader Filippo Bianchi. Fallisce la caccia al minimo invece Alessandro Dommi impegnato a Bastia Umbra per l’Invernalissima. Il suo 1h21’48” non gli garantisce per ora di bissare la partecipazione 2012 ma in gennaio, se vorrà, potrà riprovarci.
L’evento pisano che aveva nella maratona il suo evento clou ha avuto altri buoni risultati per i colori bianco-rossi. La coppia Rocchi-Boschi rallenta ma chiude a braccetto un’altra 42km con un eccellente 3h25’15”. Più indietro Alessandro Pastacaldi si migliora fino a 3h50’37”, per lui sono lontani i tempi in cui il muro delle 4ore era invalicabile….
Sui 21km bravi i reduci di Firenze: Alberto Barbani  con 1h30’57” chiude in scia alla brava (e vincente) veterana Antonietta Schettino; Roberto Cioria è stavolta più indietro ma strappa un dignitoso 1h34’20”

mercoledì 12 dicembre 2012

GOD BLESS AMERICA!

by Francesco Loddo

Dopo un'ora di giri e rigiri nel letto, decido di alzarmi e prendere il primo bus messo a disposizione dell'hotel per raggiungere il centro di cocoa Beach, mi alzo in contemporanea con il via della maratona di Firenze e il pensiero và ai pontini e pontine al nastro di partenza e ai volontari impegnati al 30° km, a tutti un GOOD LUCK che possiate rincorrere e superare i vostri obiettivi. io dopo 2 mesi tribolati con momenti di scoraggiamento alternati ad altri di ottimismo non so cosa riuscirò a combinare, in ogni caso la medaglia la voglio portare a casa. E' ancora notte fonda quando arrivo al centro di cocoa (la partenza è alle 6,15) cielo stellato e temperatura un po freddina, una felpa non ci sarebbe stata male. l'atmosfera è tranquilla e rilassata sembra una nostra gara domenicale. dopo aver sbrigato le solite formalità ci dirigiamo in zona partenza, unica raccomandazione dell'organizzazione, maratoneti a destra e quelli della mezza a sinistra. io mi ritrovo in prima fila (non ci sono gabbie), per la prima volta mi rtrovo con i "" top runners "", un'occasione che non mi era mai capitata neanche alla ""sudatina di maggio"", cosa vorrà dire? con lo sguardo cerco Piero (Giacomelli) per immortalare il momento, forse l'unico che avrò, peccato, queste fortune capitano solo al Rocchi. l'inno americano (live) mi riporta alla realtà mentre sullo schermo gigante, lo space shuttle discovery accende i motori e inizia il countdown.......-3 -2 -1 GOOO. Dopo una partenza a....razzo (sono o non sono tra i top?), cerco di prendere il mio passo, si corre alla luce dei lampioni e dopo qualche centinaio di metri,  imbocchiamo una strada alberata in direzione nord con l'Indian river sulla destra e a sinistra case stile "viareggine" con prato verde sul davanti (in alcuni casi si potrebbe giocare a golf). intanto a Firenze?  i top pontini avranno già la loro medaglia e gli altri saranno in prossimità del traguardo, avranno raggiunto i loro obiettivi? e quel matto di Samuele avrà tagliato il traguardo con la piccola Giulia in braccio? intanto io sono solo all'inizio sigh. unici spettatori un po assonnati sono i pellicani e i cormorani. verso le 7 corro con la testa rivolta verso est per ammirare il sorgere del sole, spettacolo stupendo. la temperatura adesso è ideale per correre. mi unisco al gruppo guidato da Goerge B. pacers delle 3,25 con passo di 7,49 a miglio, un sogno per me, il percorso è ondulato e piacevole. giro di boa dopo poco il 10° km, adesso il fiume sulla sinistra e le viareggine sulla destra il sole di fronte ad abbagliarci e George dietro di qualche metro, stò andando troppo forte per le mie possibilità, quanto potrò reggere a questo ritmo?. i ristori si susseguono ad ogni miglio, meno male, perchè ho deciso di non portare in mano la mia bottiglieta personale. al traguardo della mezza, situato nel centro di Cocoa transito sotto 1,42 decido di proseguire con questo ritmo poi si vedrà. adesso direzione sud, noi sempre sulla destra mentre a sinistra incrociamo quelli della mezza che si dirigono vero il traguardo. Intanto George e il suo gruppo si avvicina e al 28° km mi superano, segno che comincio a perdere colpi. al 30° km ultimo giro di boa, si torna verso Cocoa, accetto volentieri una banana e un "" good job """ da uno spettatore, i cormorani e i pellicani ora sono occupati alla ricerca del loro pasto, come vorrei anche io un paio di ali........, comincio a superare delle signore over mooolto over size della mezza, che con passo da "" mercato delle cascine"" si avviano tranquillamente al traguardo. il ponte di cocoa si avvicina mentre le forze si allontanano, penso alle pontine ormai pronte per lo shopping e i pontini a fremere per la viola, cerco appigli a cui aggrapparmi, male che vada non potrò fare peggio di Siviglia (4 ore e 31 minuti). 
Ora la folla comincia ad essere più numerosa, segno che il traguardo non è lontano e comincio ad assaporare un miglioramento del mio personale, ultime energie da raschiare in fondo al barile percorrere il giro della piazza e poi l'arrivo, è proprio adesso che mi sembra di sentire un'odore (era da Venezia 2011), si lo riconosco è  parfum """personal best by Loddò""",  ultime centinaia di metri tra le urla della folla, finale come l'inizio cioè a razzo taglio la Finish Line in 3,40,46. 3 minuti meglio di Venezia 2011. medaglia (e che medaglia!!!!) asciugamano (carino) al posto dell'involucro dell'uovo di pasqua e piacevole sorpresa non si resta imbottigliati per uscire (vedi firenze) e al posto del sacco con la solita bottiglia d'acqua e mela verde (che odio) una fetta di pizza (sarà la stanchezza o la fame, la trovo di un buono, per questa volta non rimpiango quella di Raffaele) e birra a go-go, ora la festa è sul prato della piazza con atleti e familiari a ristorarsi con uova strapazzate, pancakes e frutta, il tutto senza ressa o spintoni. ancora qualche birra e  godermi questa piccola soddisfazione, peccato per gli ultimi 2 mesi, altrimenti ora il ......bicchiere sarebbe stato un pò più colmo. ora un po di riposo sulla spiaggia e magari pensare alla prossima impresa. di sicuro a cena come premio una steak e una birra non me la leva proprio nessuno. a questo punto che dire????  THANKS AMERICA AND THE NEXT TIME..... 
        

lunedì 3 dicembre 2012

Firenze Marathon sotto il segno di Coach Nucci


Narra la nonnina:  << Il gigante arrivò al traguardo quando ormai la terza ora era vicina e, annusando l’aria,  urlò: “Ucci, ucci sento odor…..di Marzio Nucci!" >>

Giornata perfetta per gli oltre 8.000 atleti al via dell’edizione 29 della Firenze Marathon: molti scelgono il completo estivo per affrontare i 42km di una delle corse più belle al mondo che nella sua nuova e collaudata veste (niente Piazzale, Cascine nella prima parte e tutto centro negl ultimi 10km) riscuote anche quest’anno un ottimo ed internazionale successo.
Anche il capofila pontino Marzio Nucci fa questa scelta; non l’ultimo completo magari, e neanche il penultimo ma insomma pur con canotta d’epoca il capitano è pronto a cancellare l’amarezza per la rinuncia all’ultimo minuto dello scorso anno quando si dovette accontentare di vedere gli scalpitanti allievi Canale e Rocchi fare a sportellate a più riprese. Roma l’aveva già mostrato pimpante in Marzo ma la battuta d’arresto di Barchi e la consueta eclissi di apparizioni in autunno avevano avvolto nel mistero le sue condizioni di forma. Ma alla vigilia pochi bianco-rossi dubitavano e non credevano al suo podisticamente bugiardo auto-pronostico: “farò 3 ore e un quarto”. 
E così ecco finalmente un’altra Maratona “alla Nucci”: perfetta!
Nucci incontra sulla strada quasi subito il compagno Andrea Barbani, un altro su cui puntare, e con lui viaggia in parallelo per 30km alla media di 4’16” al km, media che il bravo Barbani porterà fino al traguardo; ma Nucci invece sa che è il momento di mettere ko centinaia di podisti che là davanti iniziano a soffrire; parte l’affondo: 4’10” dal 30° al 35°, addirittura 4’08” dal 35° al 40°; un po’ di calo nel finale ma con una seconda metà più veloce della prima (1h28’ contro 1h30’) risale dalla posizione 490 alla 277 chiudendo in 2h58’25”.
A distanza di 3 anni il primatista pontino con 2h48’42” torna sotto le 3 ore e taglia per la trentesima volta il traguardo sui 42km (per la nona volta sotto le 3 ore). Immenso!
Andrea Barbani torna nella mischia alla grande e come detto chiude con regolarità svizzera la maratona del rientro e 4 anni dopo si migliora di 14 minuti sfiorando quel muro che gli resta da infrangere per soli 19 secondi. Il suo parziale al km 40 è 2h50’29”, ha appena fatto gli ultimi 5km a 4’15”: pare fatta….ma anche per lui come per molti maratoneti, il momento di pagare il conto può arrivare quando non te l’aspetti…il ritmo sale di pochi secondi e l’obiettivo salta. Ma non è il caso di lamentarsi: con 3h00’19” è il terzo pontino dell’anno e l’ottavo di sempre.
Se Nucci-Barbani sono stati coppia per caso, la premiata ditta Boschi-Rocchi è invece coppia di fatto. I due, compagni d’allenamento instancabili hanno preparato bene quest’evento ma per il duo di coach Algerini la maratona a un certo punto s’impenna e diventa “in salita”. E se nelle settimane prima era stato Riccardo ad accennare i primi segni di stanchezza, stavolta è Manuela a soffrire e a pensare di mollare. In linea fino alla mezza per una gara sulle 3h, Manuela soffre la seconda parte e più volte pesanti dolori la indurrebbero a mollare ma spronata anche dal “fido scudiero” porta in fondo la fatica con un tempo tutt’altro che da disprezzare: 3h10’41. Il Ponte festeggia il nuovo limite societario femminile che ritocca il recente tempo di SuperManu alla Maratona del Mugello (3h12’56”).
Riccardo Rocchi arriva con lei onorando il forte patto d’amicizia tra i due: stesso tempo e ciclo incredibile di maratone negli ultimi 365 giorni, da Firenze a Firenze passando per Pisa, Padova e Borgo, sempre ad altissimo livello.
Con loro c’era anche, fino ai 21km, Massimo Spina a cui, ancora una volta, la gara regina ha fatto sgambetto rallentando pesantemente la sua corsa negli ultimi faticosissimi 10/12km. Il suo 3h13’21” è comunque la sua seconda prestazione di sempre ma la consapevolezza di valere di più e di essere incappato in una giornata storta è dimostrata dal fatto che il caparbio Massimo è già in cerca di un pettorale per Pisa….  
Ci ha abituato alle sorprese e ai capovolgimenti di fronte il poliedrico Isacco Collini, che è di quelli mai troppo forti ma capace di ben figurare in una gran varietà di gare. Arrivato alla maratona con una preparazione breve ma intensa che non ha disdegnato i trails, Collini è tra quelli della “seconda linea” che ha sofferto meno (ma ha sofferto) la parte finale come perspicacemente captato dal “cronista” Leo Magazzini (che, in attesa di rientrare nel grande giro, ha allietato gli internauti con la cronaca in diretta su facebook degli eroi pontini). Con un passaggio alla mezza di 1h37’ era infatti  in ritardo di 3 minuti da Indiati e La Mura e 2’ da Perna. Al 30° km Ivano La Mura è il primo a cedere e pesantemente (causa vesciche), al 35° e 36° anche Indiati e Perna, in difficoltà sono infilati da Collini che per 33km insegue con i palloncini il sogno delle 3h15’. Poi anche per lui il ritmo rallenta fino all’arrivo dei crampi che lo accolgono poco dopo il 40°: 3 soste per stirare i polpacci (splendido il fair play di un runner francese che a 500 metri dal traguardo si china per aiutarlo!!!!) e denti stretti fino al nuovo personale di 3h20’43” che migliora di 6 minuti il suo crono sotto il diluvio 2010 e gli assegna il quinto posto tra gli assoluti pontini.
Gara parallela per Giacomo Perna e Giovanni Indiati, compagni di sofferenze nel finale: Perna sesto pontino con 3h22’44”, Indiati settimo con il nuovo personale di 3h23’49” e la consapevolezza anche per lui di poter fare, con la giornata giusta, molto meglio.
Ottima la corsa dell’esordiente Alberto Barbani: dopo aver raccolto dagli “esperti” pontini una moltitudine di informazioni e consigli, fa la sua “porca” figura al primo approccio con la gara regina e con 3h27’11” di real time può davvero ritenersi soddisfatto e iniziare da qui un'ottima progressione.
Della serie “vicini-vicini”, dopo la mezza in tandem a Livorno anche a Firenze, poco dietro Barbani ecco che si presenta sulla finish-line Roberto Cioria che paga dazio per pochi secondi ma con 3h27’46” è, tra i pontini, quello che ottiene il miglioramento più netto: 16 minuti rispetto a Firenze 2011. Era nell’aria un progresso importante per il talentuoso vigile scandiccese.
Chiude la top ten pontina Ivano La Mura cui le vesciche minano una prestazione che sarebbe stata ottima e che nonostante tutto rappresenta il suo PB: 3h30’17” (con gli ultimi 12km corsi alla media di 6’/km!!). Tra gli altri assoluti onesta prova per Leonardo Sequi (3h35’42”) e si segnala il miglioramento di Samuele Papotto che nonostante l’interruzione della preparazione per l’arrivo di Giulia e l’attacco di crampi si migliora nettamente con il suo nuovo limite di 4h10’01”. Non brilla la prova di Massimiliano Malavolta, per questa volta il tempo non conta ma è di nuovo “finisher” e con tanta voglia di riprovarci.
Pochi ma boni i veterani: Antonio D’Ambrosi vince la sua prima gara pontina e con 3h37’21” lima ancora di un minuto il suo recente primato di Berlino. Lo segue Remo Vannucci, emozionatissimo, alla sua prima Firenze Marathon. Iscrittosi 7 giorni prima del via si mette al servizio di Luisa Ferti apparendo al traguardo oltremodo fresco e dunque capace di far molto meglio di quel 3h43’39” di questa sua seconda avventura sui 42km. L’altro eroe di Berlino, Alberto Caciolli chiude in 3h50’ non riuscendo a fare sui lungarni quanto fatto sotto la porta di Brandeburgo. Marca il primo tempo pontino Pietro Valente con una gara regolare chiusa in 4h23’.
Ottimo esordio per la sorridente Giulia Petreni entusiasta per la sua prima maratona. Giulia difende con i denti la piazza d’onore pontina contesale da Luisa Ferti: partita forse un pizzico troppo forte, l’unica tra le prime 4 pontine senza un “consorte”, patisce un calo ma non un crollo. Il suo vantaggio su Miss Ponte, autrice invece di una gara regolarissima, arriva fino a 4 minuti ma poi svanisce negli ultimi 10km fino al sorpasso in prossimità del traguardo ma il real time premia l’audacia di Giulia che, partita più indietro, ferma il cronometro con un vantaggio di 21 secondi sull’esperta amica che pure migliora sensibilmente quel che era, prima dell’avvento dell’era Boschi, il record pontino. Giulia (3h43’13”) e Luisa (3h43’34”) entrano nella All-time TOP 50 in un 2012 che ha visto un salto di qualità decisivo nel settore femminile (dopo il salto di quantità dello scorso anno). Quarta di giornata e sesta pontina di sempre un’altra esordiente: Luisa Lanzilao che con il 4h09’26” a braccetto con Raffaele Usiello, compone anche la terza coppia di giornata. E qualcuno la chiama già “keniana”, ma sarà per l’abbronzatura?
Lo squadrone del Ponte Rosa (al record di partecipazione con 6 maratonete) si chiude con l’inossidabile Loredana Cesari che arriva in scia alla suddetta accoppiata e con l’immancabile Marlene Rodriguez, davvero instancabile in questo 2012. Per lei progresso di 9 minuti e nuovo personale con 4h46’22”. Come ogni anno la Maratona di Firenze riscrive la storia del Ponte dal punto di vista cronometrico. QUI potete trovare la nuova classifica all-time dei migliori 50 maratoneti con il grande Marzio Nucci a svettare su tutti! Ma il tempo degli elogi è già passato, sarà presto il momento di nuove, emozionanti e divertenti sfide sotto il segno di una famiglia bianco-rossa sempre più solida i cui componenti, anche quando non possono competere, non fanno mancare il loro apporto mettendosi , come in questo caso, al servizio dei maratoneti. I pontini in corsa lo sanno e sanno che al 28°/29° km incontreranno il tifo più caldo, quello che non solo applaude o incita genericamente ma che grida il tuo nome fornendoti un integratore naturale ineguagliabile che aiuterà le tue gambe stanche a oltrepassare la linea del traguardo per un altro, liberatorio “ce l’ho fatta!

ORDINE D'ARRIVO DEL PONTE:

277
NUCCI MARZIO
 02:58:25
355
BARBANI ANDREA
 03:00:19
700
BOSCHI MANUELA (26ma donna)
 03:10:41
670
ROCCHI RICCARDO
 03:10:41
766
SPINA MASSIMO
 03:13:21
1184
COLLINI ISACCO
 03:20:43
1305
PERNA GIACOMO
 03:22:44
1393
INDIATI GIOVANNI
 03:23:49
1883
BARBANI ALBERTO
 03:27:11
1902 
CIORIA ROBERTO
 03:27:46
1976
LA MURA IVANO
 03:30:17
2271
SEQUI LEONARDO
 03:35:42
2587
D'AMBROSI ANTONIO
 03:37:21
3086
FERTI LUISA
 03:43:34
3098
VANNUCCI REMO
 03:43:39
3124
PETRENI GIULIA
 03:43:13
5743
CACIOLLI ALBERTO
 03:50:46
4677
LOMBARDINI PAOLO
 04:00:18
5296
PAPOTTO SAMUELE
 04:10:01
5439
LANZILAO LUISA
 04:09:26
5442
USIELLO RAFFAELE
 04:09:29
5451
CESARI LOREDANA
 04:12:07
6188
VALENTE PIETRO
 04:23:36
6308
MALAVOLTA MASSIMILIANO
 04:25:22
7022
RODRIGUEZ MARIA MARLENE
 04:46:22



lunedì 5 novembre 2012

Ancora Manuela Boschi: podio vicino


Tra pozzanghere e mota, la piccola grande pontina (che Baglioni non me ne voglia) guida la truppa ad Agliana per la Maratonina de’ 6 Ponti siglando il nuovo record femminile del Ponte già sua col crono recente di Signa. 1h28'13" è il nuovo limite di riferimento. “Faticosa e divertente”, così Manuela etichetta la prova nel pistoiese che l’ha vista sfiorare il podio con l’icona Ilaria Bianchi a meno di un minuto. Giannotti e Giangrandi erano invece, almeno per oggi, irraggiungibili. Manuela può davvero adesso puntare il mirino con convinzione verso la maratona di Firenze.
Riccardo Rocchi non tiene il passo stavolta della piccola Wonder Woman e chiude oltre l’ora e 36’, non soddisfatto del suo tempo che, tutt’al più andrà bene come passaggio sui 42km tra 3 settimane.
Pastacaldi e Loddo restano sopra i loro stagionali ma si consolano con buone posizioni tra i veterani (25mo e 33mo). Sull’ora e 40 c’è anche Andrea Manetti.
Molto Ponte Rosa ad Agliana, così, dietro la leader si fanno notare anche Maria Angela Grigoli e Giulia Petreni. Le due, in lotta per il podio pontino in campionato sembrano in gran forma. La prima sfiora il personale e con 1h44’17” migliora Signa ma rimane un po’ sopra il risultato di Alassio. Centra invece il personale la seconda. Giulia Petreni (appena rientrata da una vacanza… in altura) riparte da qui con un nuovo limite: 1h48'43" e conquista nelle liste femminili societarie la sesta piazza di sempre.
Da non sottovalutare anche l'ora e 53 di Maurizio Butini che chiude il gruppo bianco-rosso con onore e con un miglioramento di 6 minuti rispetto a Signa!

AGLIANA 2012: TOP TEN FEMMINILE

1 GIANNOTTI TIZIANA TEAM CELLFOOD 01:23:14
 2 GIANGRANDI CHIARA G.P. PARCO ALPI APUANE 01:25:29
 3 BIANCHI ILARIA TEAM CELLFOOD 01:27:17
 4 BOSCHI MANUELA IL PONTE SCANDICCI 01:28:13
 5 BARGIACCHI STEFANIA SILVANO FEDI 01:29:00
 6 GIACHI CHIARA A.P.D. SAN GIMIGNANO 01:30:56
 7 SCIABOLACCI ELENA SILVANO FEDI 01:32:58
 8 DAMI ELISA SILVANO FEDI 01:33:09
 9 ARESU LUCIANA ATLETICA PRATO 01:34:52
 10 DAMI TIZIANA SILVANO FEDI 01:37:24


I PONTINI!

 150 ROCCHI RICCARDO 01:36:17
 188 PASTACALDI ALESSANDRO 01:39:06
 215 MANETTI ANDREA 01:40:54
 244 LODDO FRANCESCO 01:43:23
 254 GRIGOLI MARIA ANGELA 01:44:17
 299 PETRENI GIULIA 01:48:43
 339 BUTINI MAURIZIO 01:53:44

venerdì 2 novembre 2012

Fiocco rosa in casa Papotto

Il Ponte Scandicci al completo gioisce per il lieto nuovo arrivo nella famiglia Papotto. Oggi, 2 novembre poco prima delle 20.00 la splendida Caterina ha dato alla luce Giulia, scricciolino dolce dolce di 3 kg e 200. Per il nostro SIMPATICO e sempre disponibile compagno di squadra Samuele una gioia immensa come dimostra la foto anche perché, come dice lui, "essendo donna,  Giulia in futuro si piazzerà più facilmente portando a casa premi in quantità!" Di certo c'è che il pontino avrà una marcia in più all'imminente Firenze Marathon.....


COMPLIMENTI SAMUELE E CATERINA E BENVENUTA GIULIA!
   

lunedì 29 ottobre 2012

Empoli: Il Leone ruggisce ancora...

Dopo l'ennesimo infortunio, con pazienza, grinta e tanta volontà Alessandro Perri ha lavorato sodo e programmato un ritorno alla grandissima. In quest'autunno dovrebbe cogliere molti frutti.
Così, dopo l'eco-trail, ecco un altro ruggito del Leone sui 10 Km di Empoli. Attenuato dalla pioggia, il suo 36'48" lo porta deciso sulla rotta Livorno-Pisa-Scandicci, le tappe della scalata dei suoi sogni. Con questo tempo che rimane appena un minuto sopra il suo limite di 35'50"(record societario pre-Bianchi per 4 anni) per lui arriva anche un buon 42mo posto su una gara dal livello altissimo.  
Nel grigiore empolese altre due luci bianco-rosse sono comparse: 24mo posto veterano e buon 42'20" per Stefano Sordi e il suo piedino veloce; approfitta del percorso "in casa" il buon Enzo Arditi il cui tempo di 58'38" al rientro non è affatto male se si considera che 7 mesi fa a Signa era rimasto molto lontano da quel limite di un'ora che sui 10 km marca la differenza tra una corsa e una passeggiata "veloce". Ben fatto!

giovedì 25 ottobre 2012

21 ottobre: Bianchi sfiora il successo


Al trofeo Atletica Calenzano ancora una convincente prestazione per Filippo Bianchi che chiude i quasi 13 chilometri del percorso in 46 minuti netti e manca l'appuntamento con la vittoria per 42 secondi appena.
Nel 2011, con un tempo più alto di soli 15 secondi, Filippo era finito ottavo ma stavolta solo il forte Simone Baldi (Atl. Futura) gli arriva davanti e il biker Calfapietra (quarto l'anno scorso) deve accontentarsi di stargli alle spalle pur agguantando il podio. Il resto della ciurma, completamente al maschile non è particolarmente brillante e seppur al sesto posto per partecipanti (12), retrocede al nono posto per punteggio. Benino il duo veterano Sordi-Gistri con il primo a migliorare il crono 2011 e discreto anche il nono posto del sempre più convincente Stefano Suisola tra gli Argento.

TOP FIVE


1 Baldi Simone Atl. Leggera Futura 0:45:18
2 Bianchi Filippo Il Ponte Scandicci 0:46:00
3 Calfapietra Gianluca 0:46:20
4 Quinzi Giuseppe Nuova Atl. Lastra 0:47:14
5 Santucci Lorenzo Le Panche Castelquarto 0:47:56


GLI ALTRI PONTINI



103 Sordi Stefano 0.58.39 VET. MASCH. 29
108 Gistri Franco 0.59.01 VET. MASCH. 31
129 Suisola Stefano 1.00.58 ARGENTO MASCH. 9
142 Manetti Andrea 1.01.42 ASS. MASCH. 90
162 Beni Andrea 1.03.03 VET. MASCH. 40
164 Lombardini Paolo 1.03.07 ASS. MASCH. 100
202 Taddei Francesco 1.05.59 VET. MASCH. 46
217 Benedetti Enio 1.06.50 ARGENTO MASCH. 30
226 Loddo Francesco 1.07.45 VET. MASCH. 52
291 Arditi Enzo 1.22.51 ASS. MASCH. 141
297 Pane Francesco 1.35.25 ORO MASCH. 9

martedì 23 ottobre 2012

ECO-CHIANTI: pontini bravi? Tanti!


Sbarca di nuovo e con piacere in terra chiantigiana lo squadrone bianco-rosso per la più affascinante delle gare su terra in zona: l’ecomaratona del Chianti di 42 km e la sua appendice, l’Ecotrail di 18 km.
Su entrambe le distanze il Ponte ha potuto schierare un pretendente importante per la parte alta della classifica: lo specialista Alessandro Dommi, il “grillo” e “Re Leone” Alessandro Perri, forse più stradaiolo ma già con un importante precedente nel trail (decimo posto nel 2010).
La gara regina è incentrata sul duello Trincheri-Palladino-Caroni con quest’ultimo a conquistare finalmente la tanto desiderata vittoria sul filo delle 3 ore, 3h02’24” per l’esattezza. Trincheri è secondo e Palladino, dopo l’argento 2011 deve accontentarsi del gradino più basso giungendo sul traguardo 2 minuti più tardi dell’avversario. All’arrivo è grande festa con abbracci e figli in passerella. Passano lenti i minuti e radi sono i passaggi sul traguardo: ne servono 20, di minuti, per completare la top Ten. 
Al traguardo, Butini, Collini, Salvatori, Malavolta, Perri e Cinzia Bellini, ormai rinfrescati dalla loro fatica attendono il compagno Dommi al traguardo, trepidanti perché la giornata è fantastica e le condizioni del pontino ottime. Collini pronostica un 3h30’ ed è proprio lui che lo annuncia, intravedendolo sul fondo del rettilineo ai compagni: parte la claque con urla di incitamento.
Il tifo dei compagni accoglie ai 50 metri Alessandro che, pur dopo tanta fatica deve ancora stringere i denti per lo sprint finale: la posizione è di quelle che contano e l’indomito pontino resiste fino alla fine all’assalto di Paolo Benincasa (Il Fiorino) difendendo la sedicesima posizione e la soddisfazione di essere il miglior fiorentino di giornata. 3h33’01” è lo strepitoso tempo di Dommi che cancella i pionieristici risultati sopra le 4 ore di Leonardo Magazzini e Isacco Collini degli anni precedenti. Inizia la festa della sua allegra famiglia e il “batti 5” con i compagni è d’obbligo.
Il percorso è pure “indurito” rispetto agli anni scorsi: lo sa bene Alessandra Marrata, la pontina targata GR, (Grosseto? Anche, ma pure Grinta!). Dopo il podio a San Galgano per Alessandra un altro brillante risultato: con 4h45’49” è la 25ma donna a tagliare il traguardo e la prima pontina a portare a termine l’ecomaratona del Chianti.

Seppur dura tutt’altra atmosfera si respira per il trail che sa più di “scampagnata”...ma tutta d’un fiato però! Qui il contingente pontino è più nutrito con una dozzina di maschietti è la coppia Rodriguez – Bellini a chiudere con la consueta allegria la truppa. Ma andiamo con ordine. Trasferitisi, non senza difficoltà, a Villa a Sesta con i bus dell’organizzazione i nostri si schierano: Alessandro Perri è in prima linea; ecco lo sparo; alla prima curva il Re Leone è secondo; verrà piano piano riassorbito ma non scomparirà dalla parte alta della classifica. Per lui, nonostante un tempo migliore del 2010 (e percorso all’apparenza più impegnativo) c’è il quindicesimo posto ad attenderlo a Castelnuovo e in questa edizione, grazie all’età “avanzata”, conquista il podio di categoria ma soprattutto grande convinzione per le sfide che verranno. Da San Galgano siamo ormai abituati a veder schizzare là davanti la “Formica Atomica”, Riccardo Ferrigno sempre più protagonista. Ottimo il suo crono di 1h22’ così come l’ora e 25 di Giovanni Indiati che si migliora rispetto al 2011 di quasi 10 minuti. Anche Collini, che, dopo 3 tentativi sui 42 (2 portati a termine) era al suo primo trail, può gioire per un risultato oltre le aspettative distanziando 2 pontini solitamente pimpanti in questa stagione, Roberto Cioria e Vincenzo Maurello. Maurizio Galeotti gradisce il duro percorso chiantigiano ed è il nostro secondo veterano con un paio di minuti di vantaggio su Marini, bravo, all’esordio su questo circuito. Gli assoluti Malavolta e Salvatori non gli sono lontani e riescono a chiudere sotto l’ora e 50. Alessandro Di Tomaso è invece appena sopra tale “muretto”. Centra l’obiettivo di scendere sotto le 2 ore Maurizio Butini, in scioltezza commenterà poi. Appuntamento invece rimandato al 2013 per Marlene e Cinzia che sono sempre e comunque una piacevole compagnia.   

ECCO I PONTINI ALL’ECO-TRAIL DEL CHIANTI

15
PERRI ALESSANDRO
SEN Cm
3
01:18:37
43
FERRIGNO RICCARDO
SEN Cm
9
01:22:53
59
INDIATI GIOVANNI
SEN Dm
14
01:25:11
127
COLLINI ISACCO
SEN Bm
47
01:31:33
190
CIORIA ROBERTO
SEN Dm
44
01:36:31
193
MAURELLO VINCENZO
VET Em
17
01:36:43
350
GALEOTTI MAURIZIO
VET Em
40
01:45:57
386
MARINI MAURIZIO
VET Em
47
01:48:00
393
MALAVOLTA MASSIMILIANO
SEN Dm
65
01:48:22
415
SALVATORI ALFREDO
SEN Bm
107
01:49:14
467
DI TOMASO ALESSANDRO
VET Em
59
01:52:25
564
BUTINI MAURIZIO
VET Fm
45
01:57:10
670
RODRIGUEZ MARLENE
SEN Bf
35
02:03:29
762
BELLINI CINZIA
VET Ef
19
02:13:03

giovedì 18 ottobre 2012

Domenica 14 ottobre: Ponte sempre sugli scudi

Ancora una domenica da protagonisti per i pontini in e fuori Firenze.

SCARPINATA ECOLOGICA 10 km - Firenze

Odora di buono, nonostante la location, la giornata pontina al Quadrifoglio: 3 atleti nella Top Ten e nonostante la frammentazione del gruppo, terzo posto in classifica con 18 partecipanti.
Sul misto percorso si muove bene Filippo Bianchi che trova ancora il podio seppur sul gradino più basso. Troppo forti oggi per lui Mansuino (Fi Triathlon) e Martelli (Fiorino) ma una condizione certamente recuperata dopo il lieve passo falso di Signa. Sui 10km del percorso si rivede anche in splendida forma Alessandro Perri che con 37'40" agguanta la decima posizione e si getta con decisione nella parte più interessante della sua stagione che culminerà con la Mezza di Livorno. In campo femminile è Luisa Ferti a far risplendere i colori pontini: Una fortissima Giuliani è davvero imprendibile e anche la splendida veterana Sabrina Monnetti le è davanti ma, come Superpippo, per Miss Ponte si spalancano le porte del podio che le riserva il terzo gradino (che poi diventa secondo per la categoria assolute). Luisa ha potuto contare in corsa sull'appoggio di Antonio D'Ambrosi, ottimamente piazzatosi al 19mo posto tra i veterani che ha chiusa la corsa insieme alla leader rosa, che ha sfruttato al massimo l'assenza (o meglio, la presenza non competitiva) della compagna pigliatutto Manuela Boschi.
Ottime prove per gli assoluti Giovanni Stecca e Roberto Cioria, discrete quelle di Maurizio Galeotti, rientrato tra i premiati e Alberto Caciolli, fuori di un soffio. Brave le pontine Luisa Lanzilao e Martina Albini rientrate nella top ten di categoria e infine un plauso al rientro in corsa di Francesco Pane che è pronto per festeggiare (sabato 20 ottobre) i suoi 72 anni: Auguri!

TOP TEN UOMINI:
1 Mansuino Leonardo A.S.D. Firenze Triathlon 0.34.17 Ass.  1
2 Martelli Leonardo G.S. Il Fiorino 0.34.22 Ass.  2
3 Bianchi Filippo Il Ponte Scandicci A.S.D. 0.35.20 Ass.  3
4 Nicese Bernardo Le Panche Castelquarto 0.35.53 Ass.  4
5 Lo Grande Giovanni A.S.D. Firenze Triathlon 0.36.19 Ass.  5
6 Nocentini Leonardo A.S.D. Firenze Triathlon 0.36.20 Ass.  6
7 Santucci Lorenzo Le Panche Castelquarto 0.36.42 Ass.  7
8 Fusi Andrea A.S. Nuova Atl. Lastra 0.37.12 Vet.  1
9 Cappabianca S. Prosport Firenze 0.37.23 Ass.  8
10 Perri Alessandro Il Ponte Scandicci A.S.D. 0.37.40 Ass.  9



TOP TEN DONNE:
1 43 Giuliani Gianna 0.41.48   Ass 1
2 71 Monnetti Sabrina Le Panche Castelquarto 0.44.19    Vet. 1
3 78 Ferti Luisa Il Ponte Scandicci ASD0.45.24   Ass. 2
4 93 Terchi Barbara U.P. Isolotto 0.46.19   Ass. 3
5 96 Quinonez Lourde Le Panche Castelquarto 0.46.46   Ass. 4
6 110 Giachetti Valentina G.S. Maiano 0.47.36   Ass. 5
7 121 Bazzani Ilaria G.S. Le Torri  0.48.33   Ass. 6
8 124 Carlucci Giovanna U.P. Isolotto 0.48.38   Ass. 7
9 128 Nistri Annamaria 0.48.57   Vet. 2
10 135 Bertelli Elisabetta Caricentro 0.50.02   Vet. 3















ECCO GLI ALTRI PONTINI:






40 Stecca Giovanni M 0.41.23 Ass. Masch. 30
62 Cioria Roberto M 0.43.35 Ass. Masch. 44
79 D'Ambrosi Antonio M 0.45.24 Vet. Masch. 19
88 Manetti Andrea M 0.45.52 Ass. Masch. 59
108 Galeotti Maurizio M 0.47.29 Vet. Masch. 27
114 Papotto Samuele M 0.48.07 Ass. Masch. 70
122 Caciolli Alberto M 0.48.34 Vet. Masch. 32
125 Chiari Mario M 0.48.40 Vet. Masch. 33
133 Benedetti Enio M 0.49.59 Arg. Masch. 12
144 Lombardini Paolo M 0.50.39 Ass. Masch. 82
151 Usiello Raffaele M 0.51.48 Ass. Masch. 86
156 Lanzilao Luisa F 0.52.11 Ass. Femm. 9
157 Butini Maurizio M 0.52.17 Vet. Masch. 40
165 Albini Martina F 0.52.48 Ass. Femm. 10
211 Pane Francesco M 1.08.35 Arg. Masch. 37


STRAMONTELUPO 14 km - Montelupo Fiorentino

Non meno agguerrito il contingente che si è presentato ai nastri di partenza della Stramontelupo, desideroso di ben figurare sui verdi percorsi del tracciato di 14km nella provincia fiorentina. Quella "sporca" dozzina ha avuto come capogruppo il neopontino Ferrigno in grado di cogliere un brillante 25mo posto. La "formica atomica" (questo il soprannome di battaglia di fresca attribuzione) è riuscito nella non facile impresa di chiudere la corsa sotto l'ora di gara denotando qualità da Top runner. Bene anche Ivano La Mura e il duo veterano Maurello-Sordi all'ennesimo "scontro" che frutta ad entrambi il piazzamento di categoria. Riappare ed in eccellenti condizioni Marco Stefanelli mentre continua a macinare km la caparbia Marlene Rodriguez unica e piacevole nota femminile in questo "Straponte"

25 Ferrigno Riccardo 0.59.19 Ass. Masch. 21
84 La Mura Ivano 1.05.57 Ass. Masch. 67
109 Maurello Vincenzo 1.08.13 Vet. Masch. 22
111 Sordi Stefano 1.08.20 Vet. Masch. 23
168 Stefanelli Marco 1.12.36 Ass. Masch. 118
179 Marini Maurizio 1.13.37 Vet. Masch. 37
184 Di Tomaso Alessandro 1.14.31 Vet. Masch. 38
199 Salvatori Alfredo 1.16.17 Ass. Masch. 133
208 Vannucci Remo 1.17.14 Vet. Masch. 46
231 Zampoli Mauro 1.20.52 Ass. Masch. 148
252 Raveggi Alberto 1.22.36 Arg. Masch. 28
264 Rodriguez Marlene 1.24.26 Ass. Femm. 17

Il Ponte extraprovincia

Mentre ancora echeggiano le prestazioni in terra germanica di Antonio d'Ambrosi e Alberto Caciolli al primato personale di Maratona in quel di Berlino (rispettivamente di 3h38'22" e 3'39'50" - nella foto sono con Benedetti la scorsa settimana a Signa) sono Isacco Collini e Francesco Loddo a cercar fortuna fuori regione e precisamente sul lago di Garda approfittando della gita organizzata dagli amici del GS Le Torri.
All'interno della Lake Garda Marathon è di 30 km la distanza su cui si sono misurati i 2 atleti del Ponte e anche qui con risultati degni di nota, per Collini addirittura si può pure parlare di risultato a sorpresa.
7 mesi dopo l'infortunio alla Strasimeno che lo vide concludere con passo da calvario i 30 km sul versante est del Lago, ecco che invece, sulla stessa distanza e sempre intorno ad un lago il runner-reporter inanella una serie di interessanti passaggi concretizzando una gara in quasi completa progressione. Una lenta partenza da Limone, una leggera spinta attorno al quinto km, deciso cambio di ritmo a Riva del Garda (km 10-12), accelerazione fino al 20mo e ultimi 10 km costanti per terminare i 30 km (abbondanti) nella piazza centrale di Malcesine in 2h24'47" con viva soddisfazione. Anche per Loddo che chiude in 2h38'00" test positivo in vista delle maratone autunnali.
Infine buone notizie anche da Pisa dove, nella Mezzamaratona al Parco di San Rossore si registra il nuovo Personal Best per Massimiliano Malavolta che progredisce di oltre un minuto e porta il suo limite a 1h40'56" ritrovandosi in una forma che nell'ultimo biennio non aveva mai accarezzato. Rispetto a Signa lieve ma pur sempre di buon auspicio il miglioramento per Fulvio Chiari che termina i suoi 21km senza infamia, senza lode e soprattutto senza dolore al piede in 1h55'28".